Navigation Menu+

Come aumentare l’autostima con poche mosse efficaci

Pubblicato il Mar 19, 2020 da in Benessere |

L’insicurezza è un problema che riguarda tutti, qualsiasi sia l’età o il sesso di appartenenza, ed è un problema che può davvero rovinare la vita da tantissimi punti di vista.

Gli studiosi, però, hanno evidenziato come ci sia una forte tendenza a questa problematica in particolare nelle donne, tanto che si può parlare di autostima femminile.

Per ogni donna, quindi, è fondamentale conoscere se stessa, e imparare una serie di mosse efficaci che aiutino a costruire un’identità personale più solida e sicura.

Cosa s’intende per autostima femminile?

Con il termine autostima s’intende un insieme di giudizi personali riguardo noi stessi, che si formano a partire dall’infanzia e si rafforzano con gli anni. Dato che questa valutazione non si basa solo su elementi oggettivi, anzi spesso è influenzata dal nostro paragonarci con gli altri, dall’immagine idealizzata che vorremmo avere, dalle pressioni esterne della società e delle persone che abbiamo intorno, è possibile che ci creiamo un’idea sbagliata e negativa di chi siamo e si quanto valiamo.

La bassa autostima riguarda tutti: e allora perché si parla di autostima femminile? Perché esistono delle peculiarità nel modo in cui una donna guarda se stessa, le sue capacità e il suo corpo, ed è molto più facile per le donne essere influenzate in modo negativo da modelli innaturali proposti dai mass media, da luoghi comuni denigratori, da aspettative che la società ha nei confronti del genere femminile in cui spesso non ci si ritrova, finendo per percepire se stesse come sbagliate.

Quando una donna ha una bassa opinione di sé, tende a sentirsi fragile, inadeguata, non abbastanza intelligente, non abbastanza bella, incapace di realizzare ciò che desidera: in questo modo di sviluppa un senso di inadeguatezza e colpevolezza che porta anche a conseguenze molto gravi.

È particolarmente importante, per una donna, sviluppare un’autostima femminile, ovvero una consapevolezza legata nello specifico al suo valore come donna e come persona.  

Tecniche e consigli per aumentare l’autostima

Costruire una sana immagine di se stessi non è qualcosa che si ottiene dall’oggi al domani, ma un processo che va ricercato nel lavoro quotidiano, seguendo qualche mossa efficace che ci aiuti a cambiare il nostro modo di vederci. Ecco qualche consiglio.

  • Valutarsi in modo obiettivo. Bisogna esercitarsi a vedersi senza pregiudizi e oggettivamente. Può aiutare scrivere un elenco delle cose che soddisfano e non soddisfano dei vari aspetti della vita: è un buon modo per scoprire punti deboli e punti di forza.
  • Guardare la vite degli altri con sano distacco. Da questo punto di vista i social possono essere molto pericolosi, perché tendono a farci pensare che le vite degli altri siano perfette. Il consiglio è di seguire solo quelle persone che ci fanno sentire bene, non inferiori o inadeguati, e di ricordare sempre che quella vediamo è solo una perfezione apparente.
  • Provare ogni giorno un piccolo cambiamento. Avere il coraggio di cambiare aiuta l’autostima, ed è un qualcosa che si può fare quotidianamente anche nelle piccole cose: per esempio, pronunciare una parola che non avremmo mai detto, o provare un cibo che abbiamo sempre evitato, o scattare una foto che non avremmo mai pubblicato.
  • Rallentare. Gli eccessi dell’essere sempre connessi, sempre in azione, sempre impegnati succhiano le energie mentali, spingono a provare emozioni negative e a credere di non essere abbastanza. È importante imparare a rallentare, a staccare, e a ricaricarsi coccolandosi con cose che amiamo e ci fanno sentire bene.